L’Autorità ha stabilito che a partire dalla data degli eventi sismici (24 Agosto 2016, il 26 Ottobre 2016 e il 18 Gennaio 2017), salvo le eccezioni espressamente previste, per 36 mesi siano azzerate tutte le componenti tariffarie delle bollette di energia elettrica e gas, cioè non si pagheranno i costi relativi al trasporto e misura dell'energia e quelli per gli oneri generali di sistema. Inoltre, alla ripresa della fatturazione gli importi relativi agli eventuali consumi dovranno essere rateizzati per un periodo minimo di 24 mesi, senza interessi. Per tutte le forniture verranno poi eliminati tutti i costi per nuove connessioni, disattivazioni, riattivazioni e/o volture.

Le agevolazioni saranno applicate in modo automatico a tutte le utenze che già esistevano nei comuni colpiti dal sisma e anche a quelle delle strutture abitative di emergenza (SAE) e sono cumulabili con il bonus elettrico e gas. Le agevolazioni invece dovranno essere richieste: per le utenze di abitazioni danneggiate in altri Comuni - delle regioni interessate dal sisma - che però non sono stati inseriti negli elenchi previsti dai provvedimenti legislativi; per le utenze nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto; per le utenze o forniture temporanee e per le utenze situate nei moduli abitativi provvisori (MAP). La richiesta dovrà essere effettuata presentando un'apposita documentazione che attesti l'inagibilità parziale o totale degli immobili e il nesso di causalità con gli eventi sismici.

Per i comuni colpiti dal sisma del 18 Gennaio 2017 (comuni ex allegato 2-bis del DL 189/16), in tema di bonus, l'Autorità ha esteso a tali utenze la sospensione dei termini di scadenza delle domande di rinnovo bonus (inizialmente prevista con delibera 726/16) e li ha allineati ai termini previsti per la ripresa della fatturazione.

Le agevolazioni sono valide indipendentemente dalla localizzazione dell'utenza, garantendo il principio della loro portabilità: potranno infatti essere riconosciute a chi si è trovato con la propria abitazione inagibile ed è stato costretto a trasferirsi in altre località, anche in comuni diversi da quelli coinvolti dagli eventi sismici e sia in grado di produrre la documentazione che attesti l'inagibilità della propria abitazione e il nesso di causalità con gli eventi sismici.

Il venditore che ha sospeso la fatturazione dovrà provvedere alla contabilizzazione degli importi non fatturati e da rateizzare inviando un'unica bolletta, entro il 31 dicembre 2017 per i clienti il cui periodo di sospensione (determinato in 6 mesi dai provvedimenti legislativi) termini entro il 30 aprile 2017, o entro la fine del sesto mese successivo al termine del periodo di sospensione per gli altri clienti. La rateizzazione dovrà essere applicata anche da parte del venditore che ha sospeso i soli termini di pagamento pur avendo continuato a fatturare. Quest'ultimo dovrà provvedere all'emissione di un'unica fattura di conguaglio degli importi fatturati che tenga conto delle agevolazioni previste e degli importi eventualmente già pagati dal cliente finale (potendo provvedere, attraverso modalità alternative, all'accredito di tali importi al cliente finale).

La dilazione avrà, in generale, durata di 24 mesi, con periodicità pari a quella di fatturazione e con rate non inferiori a € 20; avverrà senza interessi e decorrerà dal momento di emissione della fattura unica. Non è prevista la rateizzazione per importi inferiori a 50 euro per singola fornitura. Il cliente potrà comunque optare anche per un periodo inferiore di rateizzazione o scegliere di pagare l'importo dovuto in un'unica soluzione ovvero per un piano migliore.

Per maggiori informazioni scrivere a legale@novaaeg.it, inserendo tutti i dati identificativi della fornitura ed i recapiti del soggetto richiedente.

Allo stesso indirizzo potrà essere comunicato l’eventuale diverso indirizzo, ai fini del recapito delle eventuali fatture e comunicazioni di cui al provvedimento dell’AEEGSI relativamente al punto di fornitura originario.

Le istanze per poter usufruire delle suddette agevolazioni, quando non applicabili automaticamente, potranno essere inviate all’indirizzo di posta certificata legale@pec.novaaeg.it